RALLEGRATI, GRIDA DI GIOIA

La Domenica della gioia: il Signore è vicino!

sssssdsdsd


Rallegrati è l’invito del profeta Sofonia alla figlia di Sion. Rallegrati, grida di gioia.

Siate sempre lieti nel Signore è l’invito dell’apostolo Paolo ai Filippesi.

Ve lo ripeto: siate lieti.

La terza Domenica di Avvento si caratterizza per la gioia: canta ed esulta perché grande in mezzo a te è il Santo d’Israele.

Rallegrarsi perché il Signore ha revocato ogni nostra condanna, ogni peccato è perdonato. Nessuna sventura più dobbiamo temere.

Stare lieti sempre: il Signore è in mezzo a noi. Lo contempleremo nella notte santa del Natale nella grotta di Betlemme e vedremo il Bambino che gioisce per noi e mentre ci incontra con il suo amore ci rinnova. Nessuna sventura più per l’uomo.

Il Signore è in mezzo a noi: lo Spirito a noi donato con abbondanza nel giorno del battesimo, nella celebrazione Eucaristica ci guida con gioia nel nostro cammino alla Gerusalemme Celeste. Non temere, non lasciarti cadere le braccia, lui è in mezzo a te.

Il Signore è davvero vicino, la sua salvezza già gustiamo contemplando il bambino, accogliendolo nelle nostre case, nel nostro cuore, mentre ci porta al giardino dell’Eden, alla risurrezione, alla vita piena.

Niente ci turbi, solo l’amore ci basta.

La stessa gioia che viene dal Figlio, l’amabilità del volto del Padre, il rallegrarsi nello Spirito del Signore ci tende più facile vivere quanto il profeta Giovanni invita a fare per convertirsi, per vivere pienamente la gioia, sperimentare tutta l’amabilità, rallegrarsi, gridando di gioia.

Il profeta Giovanni non chiede l’impossibile, non esige cose straordinarie, inarrivabili. No. A tutti proponi, per prima cosa, di esercitare la solidarietà e la condivisione. Nel tuo armadio vi è più del necessario, nel tuo frigo vi è più dell’indispensabile? Dallo a chi si trova in situazione di disagio. Comincia sfamare e vestire quelli che ti sono vicini, dividi con loro quello che hai a disposizione.

Sii giusto ed evita che la tua ricchezza rende povero l’altro. Sii giusto e col tuo parlare non disprezzare nessuno, non dare giudizi.

Sii contento per quanto il Padre buono ogni giorno ti dona, diventa frumento nel Figlio che si dona a noi come Pane Eucaristico, lascia lo Spirito bruciare ogni traccia di paglia che è in te e la Pace del Risorto che viene dall’alto e che supera ogni intelligenza custodirà il tuo cuore e ti rinnoverà con il suo Amore.


HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com