Allora, chi può essere salvato? (21 agosto 2018)

È più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel Regno di Dio. A questa affermazione di Gesù nel vedere il giovane ricco rattristarsi e allontanarsi a causa delle sue tante ricchezze, i discepoli, molto stupiti per la scelta del giovane stesso, si dicevano l’un l’altro: Allora, chi può essere salvato?
E Gesù: Questo è impossibile agli uomini, ma a Dio tutto è possibile.
L’errore di quel giovane tanto buono e che aveva osservato i comandamenti sta nel confidare solo in se stesso, nelle sue sole forze. Non tutto è possibile raggiungere con le sole forze umane: la logica del vangelo di Gesù è logica divina: debolezza che è fortezza, stoltezza che è sapienza. E questa logica la si apprende solo in Dio, confidando e fidandosi di Dio.
Lasciare ogni sicurezza, ogni affetto, ogni certezza è fatica, sofferenza e dolore ma è la strada da percorrere per avere cento volte tanto e la vita eterna. Questo è impossibile agli uomini, ma a Dio tutto è possibile. A questa certezza con Maria impariamo a dire e a vivere: avvenga per me quanto Gesù chiede a me giovane ricco: va, vendi quello che hai e vieni. Seguimi!

Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 19,23-30)
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «In verità io vi dico: difficilmente un ricco entrerà nel regno dei cieli. Ve lo ripeto: è più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio».
A queste parole i discepoli rimasero molto stupiti e dicevano: «Allora, chi può essere salvato?». Gesù li guardò e disse: «Questo è impossibile agli uomini, ma a Dio tutto è possibile».
Allora Pietro gli rispose: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito; che cosa dunque ne avremo?». E Gesù disse loro: «In verità io vi dico: voi che mi avete seguito, quando il Figlio dell’uomo sarà seduto sul trono della sua gloria, alla rigenerazione del mondo, siederete anche voi su dodici troni a giudicare le dodici tribù d’Israele. Chiunque avrà lasciato case, o fratelli, o sorelle, o padre, o madre, o figli, o campi per il mio nome, riceverà cento volte tanto e avrà in eredità la vita eterna. Molti dei primi saranno ultimi e molti degli ultimi saranno primi».
Parola del Signore

Potrebbero interessarti anche...

HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com