DOMENICA DI RISURREZIONE

Cristo crocifisso è risorto! Alleluia!
Corriamo anche noi con Pietro e l’altro discepolo che Gesù amava all’udire le parole di Maria di Magdala: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!»
All’alba di quel giorno dopo il sabato, di buon mattino le donne sono andate al sepolcro ma niente era come prima: la pietra rotolata, il sepolcro vuoto, e Pietro osservò i teli posati là, e il sudario – che era stato posto sul capo di Gesù – non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte.
“Morte e Vita si sono affrontate in un prodigioso duello. Il Signore della vita era morto; ma ora, vivo, trionfa.” Morte e Vita si sono affrontate in un prodigioso duello. Il Signore della vita era morto; ma ora, vivo, trionfa.
In questa notte santa tutto ci ha parlato della vittoria di Cristo sul peccato e sulla morte: il fuoco che rischiara le tenebre della notte, il cero che illumina l’assemblea, il canto dell’annunzio pasquale che invita tutti a gioire perché la luce del Re eterno ha vinto le tenebre, ha vinto la morte.
In questa notte santa tutto ci ha parlato della vittoria di Cristo sul peccato e sulla morte: la Parola ascoltata e donataci con abbondanza dal Padre, ci ha narrato il disegno di salvezza nascosto in Cristo ma desiderato fin dall’eternità dal Padre: la creazione, Abramo, Mosè, il dono della legge, le profezie tutto è orientato a questo grande evento che nella notte della Pasqua risuona in ogni angolo della terra: Cristo crocifisso non è qui, è risorto!
In questa notte santa tutto parla della vittoria di Cristo sul peccato e sulla morte: il fonte battesimale, il banchetto eucaristico in cui ci è donato il Corpo e il Sangue del nostro Cristo crocifisso e risorto.
Cristo ha vinto la morte, Cristo ha vinto il peccato e noi siamo vittoriosi con lui sul peccato e sulla morte: quanti siamo stati battezzati siamo stati sepolti insieme a lui nella morte, il nostro uomo vecchio è stato crocifisso con lui sulla croce e in Cristo Gesù siamo viventi per Dio.
“Sei risorto con Cristo ed allora cerca le cose di lassù, rivolgi il tuo pensiero alle cose di lassù, non a quelle della terra.” Sei risorto con Cristo ed allora cerca le cose di lassù, rivolgi il tuo pensiero alle cose di lassù, non a quelle della terra.
A te giovane rattristato per il tuo futuro, a te mamma e papà preoccupati dell’avvenire dei tuoi figli, a te anziano che sperimenti la sofferenza, a te che sei sfiduciato, a te che non riesci a perdonare chi ti ha fatto tanto male, a te che soffri l’umiliazione della povertà, della ingiustizia, a te che vivi la solitudine e l’abbandono, a te che non riesci a sorridere alla vita, a te che sperimenti la tragedia del terremoto e della guerra, a te che sperimenti l’essere straniero, a te che vivi nel carcere del tuo peccato, della droga, dell’alcol, a voi tutti che cercate chi vi rotolerà la pietra dall’ingresso del vostro sepolcro, quella pietra che fa sanguinare il vostro cuore, voi tutti alzate lo sguardo rivolgete il pensiero alle cose di lassù, non a quelle della terra, e correte ancora una volta con Pietro e sostituisciti col discepolo che Gesù amava. Sei entrato anche tu? Hai visto anche tu la gioia del sepolcro vuoto, le bende piegate e il sudario in un luogo a parte? Allora quella pietra che ti teneva prigioniero è stata rotolata via: Cristo crocifisso è risorto! Alleluia!

Potrebbero interessarti anche...

HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com